Love, Spells and All That – ANTEPRIMA ITALIANA

DOMENICA 26/09 ORE 16.30 – SALA SCALO DEL NUOVO CINEMA NOSADELLA

Regia di Ümit Ünal – Turchia, 2019
DRAMMATICO, 96′

LINGUA TURCA CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO
Traduzioni di Annalisa Napoli

Ritrovatesi 20 anni dopo la fine della loro sfortunata relazione amorosa, due donne intraprendono un viaggio di un giorno, all’interno dell’affascinante isola di Büyükada, per cercare di spezzare un vecchio incantesimo mentre fanno un tuffo nei ricordi del passato.

Regista

Nato nel 1965 in Turchia, Ümit Ünal è sceneggiatore di otto lungometraggi tra cui Teyzem (My Aunt) (1986) e Hayallerim, Askim ve Sen (My Dreams, My Love and You) (1987).
Il suo primo lungometraggio come regista è stato 9 (Dokuz, 2001) che ha vinto numerosi premi in vari festival cinematografici ed è stato l’Official Turkish Entry per l’Academy Award 2003 per il miglior film straniero.

Ha scritto e diretto otto lungometraggi tra cui Istanbul Tales (Anlat İstanbul, 2004), Ara (2007), Shadowless (Gölgesizler, 2008). The Voice (Ses, 2010), The Pomegranate (Nar, 2011), Serial Cook (Sofra Sırları, 2018), Love, Spells and All That (Aşk, Büyü vs 2019).

Ha pubblicato cinque libri: una raccolta di racconti, tre romanzi e un’autobiografia.

Su Love, Spells and All That ha dichiarato:

Büyükada è la più grande delle isole di Istanbul, dove i gatti randagi sbadigliano e sonnecchiano e dove le buganvillee fioriscono e muoiono, intrappolate per sempre negli anni ’80. Quest’isola è piena di storie. Questa è la storia di due donne che si incontrano di nuovo dopo vent’anni e ricordano la loro storia d’amore appassionata e dolorosa che hanno avuto a Büyükada.

Come sceneggiatore-regista che ha affinato la sua arte negli anni ’80, questa è la mia risposta contemporanea al cinema turco convenzionale e al clima del mio paese che diventa ogni giorno più opprimente. È una combinazione dei miei anni formativi in ​​“Yeşilçam” e dei miei recenti film indipendenti su piccola scala con grandi domande dietro di loro. Love, Spells and All That sfida e rende queer un genere che è stato a lungo eteronormato.

È un melodramma moderno straziante, un’assurda fusione di laico e superstizioso, e una strana nostalgia che commenta la Turchia di oggi.

TRAILER DEL FILM

Indietro

News