Zanele Muholi

Visual ARTivist

Esposizione fotografica
21 settembre - 20 ottobre
QUADRIPORTICO CHIOSTRO EX OSPEDALE RONCATI
Orari: tutti i giorni dalle 8.00 alle 19.00
Nell’ambito del percorso di indagine sulla relazione tra il cinema e le altre forme artistiche della contemporaneità, Some Prefer Cake 2012 presenta un progetto espositivo dedicato all’opera di Zanele Muholi, una delle ospiti e protagoniste di questa edizione del festival. Fotografa lesbica nera sudafricana, Zanele Muholi coniuga la produzione artistica con l’impegno politico, dando vita a quello che lei stessa definisce “attivismo visuale”: le sue fotografie danno visibilità ai corpi e ai volti delle lesbiche nere e costruiscono un archivio della comunità LGBTQI sudafricana attraverso tracce visuali di una storia collettiva delle soggettività lesbiche, gay e trans, cancellate dalla storia ufficiale. Zanele Muholi ha documentato con la sua opera gli “stupri correttivi” di lesbiche praticati come ‘cura’ e rieducazione all’eterosessualità, estremamente diffusi in Sudafrica soprattutto nei confronti delle lesbiche nere e delle più povere tra loro, crimini d’odio tacitamente accettati dalla maggior parte della popolazione. Contrapponendo alla violenza la potenza trasformativa della visibilità e della rappresentazione libera da stereotipi, Muholi con il suo lavoro combatte e denuncia razzismo, sessismo, omofobia e violenza di genere. Nonostante la drammaticità dei temi trattati, l’artista non indugia mai sulla vittimizzazione, ma al contrario rappresenta la forza e la bellezza delle persone che ritrae, e delle donne in prima istanza, traducendole in scatti di alto valore artistico ed estetico, oltre che sociale e politico. Nella location dell’ex manicomio psichiatrico, luogo restituito alla città, scelto come simbolo della liberazione da una coercizione alla norma che per secoli ha psichiatrizzato lesbiche, gay e trans, Zanele Muholi Visual ARTivist esporrà, tutti i giorni dalle 8.00 alle 19.00 fino al 20 ottobre, una selezione di opere fotografiche tratte dalle serie “Faces and Phases” e “Being”.